Il prossimo giovedì 2 aprile ho invitato a parlare da noi PIETRO TRABUCCHI.
Trabucchi (www.pietrotrabucchi.it) è uno psicologo che si occupa da sempre di prestazione sportiva, in particolare di discipline di resistenza. E’ stato Psicologo della Squadra Olimpica Italiana di Sci di Fondo alle Olimpiadi di Torino 2006 e ora si dedica alle Squadre Nazionali di Ultramaratona (24h, 100 km ed Ultratrail). Ha scritto alcuni libri bellissimi (Perseverare è umano, Resisto dunque sono, Tecniche di resistenza interiore) ed è Professore incaricato presso l’Università di Verona. E’ diventato appassionato praticante di discipline di endurance e di alpinismo. Ha scalato l’Everest dal versante Nord in occasione della spedizione “Everest Vitesse” (2005) e ha diverse spedizioni extraeuropee al suo attivo. Ha corso e terminato 4 volte sia il Tor des Geants che la PTL e Yukon Artic e “Rock and Ice Ultra” nell’Artico canadese.
Il titolo dell’incontro è: Nessuno aprirà la porta al tuo posto. Appunti e note sul tema della motivazione e sul mito del talento. Parleremo quindi di motivazione sulle lunghe distanze … dello sport, del lavoro, e non solo. L’incontro si inserirà nell’ambito del ciclo di iniziative che sono collegate al progetto de Il Futuro al Lavoro. Ci parteciperanno tutti i miei collaboratori e ho deciso di aprire l’incontro ad alcune persone che mi farebbe piacere che ci fossero (perchè sono persone con cui, per mille diverse ragioni, si è creato un legame speciale).
Allego l’invito che ho preparato per l’occasione.