Holacracy, il modello di organizzazione che abolisce le gerarchie in azienda, fa proseliti in Svizzera. Questa volta in una startup del Canton San Gallo: Advertima, aperta un anno e mezzo fa e oggi con circa 40 dipendenti, impegnati nello sviluppo di applicazioni di intelligenza artificiale per la pubblicità.

A raccontare questa storia è il Telegiornale della Radiotelevisione svizzera RSI. Nel servizio andato in onda il 10 ottobre 2017 si racconta di questa startup nata senza capi, dove tutti hanno uno stipendio di pari livello: tutti sanno quanto guadagna il vicino di scrivania.

«Il mio focus non è il salario, ma le responsabilità che si possono assumere, e la partecipazione» spiega José Näf, fondatore di Advertima. «Dipendiamo dalla proattività dei dipendenti – aggiunge la responsabile dello sviluppo organizzativo Advertima Nadja Kaderli –. Ognuno può influenzare l’azienda, può farla sviluppare, portarla avanti. Noi abbiamo motivatori come la possibilità di incidere, la responsabilizzazione, sono questi che contano. Qui la pigrizia non ha spazio, perché nel nostro sistema sarebbe subito visibile. Abbiamo un sistema trasparente, i processi sono molto strutturati».

L’organizzazione dei progetti si fa collegialmente e le decisioni vengono prese dai singoli responsabili, senza bisogno di approvazioni dall’alto, ma all’interno di una ben precisa scansione delle responsabilità, con procedure trasparenti di decisione, che abbiamo raccontato in un capitolo del libro “Il futuro al lavoro” dedicato a Holacracy. E di cui abbiamo già visto una applicazione “artigianale” in Italia, alla Graphistudio di Arba, in provincia di Pordenone.

Di seguito il servizio video andato in onda su RSi.